Poker online: quali sono gli orari migliori

Il gioco del poker online ha il vantaggio di essere disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 e l’afflusso di giocatori è continuo. Il numero di giocatori e le abilità al gioco variano a seconda dell’orario, quindi è sostanziale scegliere il momento migliore per accedere alla poker room online.

Le ore di punta sono le ore migliori per i giocatori principianti. In questo periodo della giornata sarà sicuramente presente un’elevata percentuale di “squali” ma anche molti “fish”. Potete trovare i giocatori aggressivi che si collegano nella notte e, con la strategia giusta, potete accumulare vincite. In genere, i tornei migliori e più affollati sono in programma nelle ore che sono convenienti per la maggior parte dei giocatori. Il momento adatto è dopo le otto di sera. Giocare fuori dalla ore di punta comporta una minor presenza di giocatori, impegnati nella giornata di lavoro, oltre che di tavoli da gioco disponibili. Avendo presenti i due periodi di tempo della giornata, potete trovare il momento giusto per giocare. Se non siete sicuri delle vostre abilità al gioco, è preferibile scegliere le ore di minor afflusso di giocatori. Le poker room on line più conosciute avranno maggior disponibilità di tavoli e di giocatori. I giocatori esperti possono privilegiare le ore di punta, ma l’ampio afflusso di giocatori non comporta solo un gioco più interessante, è il momento di sfide con gli squali.

Giocare a poker nel fine settimana è una combinazione di gioco nelle ore di punta e non.  Il fine settimana è il periodo di maggior afflusso di giocatori nella giornata, senza impegni di lavoro e in una fase di relax.  Il gioco in questi giorni è di livello migliore, con grandi tornei in programma. Anche in questo caso sono prsenti “squali” e “fish”. Lo “squalo” ha la capacità di comprendere i rischi e, allo stesso tempo, di studiare rapidamente i propri avversari e rilevare i modelli e i poker tells. Aspetta fino a quando è il momento giusto per colpire. Un giocatore “fish” non è solo un principiante, è un giocatore amatoriale. Quest’ultimo di solito gioca a poker ogni settimana, da vari anni. È possibile individuarlo, in quanto comunica immediatamente il proprio stile e la strategia. Il suo approccio al gioco è basato sulla fortuna, anziché sull’abilità ed è in attesa della mano ideale.

Riuscire a cambiare categoria, da “fish” a “squalo” è il risultato di impegno nel gioco, nello studio, oltre allo scambio di esperienze con altri giocatori. Occorre provare varie tipologie di gioco e leggere i libri riguardanti le strategie, scritti da professionisti del settore. La strategia peggiore per un giocatore è quella di creare un miscuglio di stili che lo rendono prevedibile, osservando il gioco degli “squali”. È necessario avere una strategia nuova o una strategia collaudata modificata, visto che giocare privi di una strategia è proprio come pescare senza una rete. Inoltre, avere una strategia non è sufficiente; dovete avere una strategia personalizzata, lontana dalle strategie copiate da giocatori famosi. Valutate i punti di forza e di debolezza, per avere una strategia ideale per voi. Diventare uno “squalo” al tavolo da poker richiede l’abilità di identificare le strategie di poker degli avversari e di conseguenza, effettuare un raggruppamento degli avversari nelle loro classi corrispondenti.

Il poker online ha le sue particolarità e si differenzia dai tornei live. Vincere un torneo a Las Vegas non è da paragonare a una vittoria a un torneo online. I giocatori nelle poker room online impiegano altri strumenti, ad esempio per il calcolo delle probabilità e scelgono il software più adatto. I poker tells sono presenti anche in questo caso, ma non sono fisici.