Saint Vincent, è di nuovo tempo di Mini IPT

3 marzo 2014 da Anna

Ormai, dopo la prima tappa del 2014 di Nova Gorica, siamo arrivati ad una nuova avventura targata Italian Poker Tour, che questa volta andrà in scena al Casinò de la Vallée a Saint Vincent. Come di consueto, prima di iniziare con l’IPT vero e proprio, i tavoli del casinò valdostano ospitano il Mini IPT. In questo articolo scoprirete chi ha vinto la tappa di Saint Vincent 2014 del Mini IPT.

Cogliamo l’occasione per darvi appuntamento a breve per scoprire invece chi vincerà l’Italian Poker Tour della stessa tappa: solo qualche giorno di pazienza e scopriremo il nuovo campione.

Prevedendo un afflusso notevole di giocatori, il Mini IPT di Saint Vincent è stato suddiviso in tre day 1: solo al day 1 A ben 198 giocatori si sono iscritti. Un buy in di solo 200 € è un ottimo incentivo e sono tanti i giocatori che decidono di raccogliere la sfida.

Sono poi stati 73 i giocatori che si sono qualificati per il day 2, guidati da Gianfranco Mazzariello con 148,000 chip, seguito da Giovanni Sgrizzi con 124,700 chip e da Dario Colombo con 120,800 chip. Tra i big che si sono qualificati troviamo Federico Piroddi e Alex Longobardi.

I partecipanti del day 1 B hanno superato in numero quelli della giornata precedente: addirittura 201 giocatori si sono iscritti. Ricordiamo che al Mini IPT di Saint Vincent è stata applicata la formula accumulator, perciò molti giocatori hanno partecipato a tutti i day 1 per accumulare più chip possibile. Sul podio di fine giornata, troviamo due palyer francesi: il chip leader, Paa Kwesi Wellington Maxime e in terza posizione Orhan Tusa. Secondo posto per Col Luca.

Il day 1 C è partito con 217 giocatori e ne sono rimasti in gara 84. In totale, dunque, le iscrizioni sono state 616.

Il day 1 C ha permesso poi di tirare le somme e di vedere chi davvero è riuscito ad accumulare il maggior numero di chip in apertura.

Di seguito, la top 5 di inizio day 2, che tiene appunto in considerazione questo aspetto:

1- Samuel Corda con 217,800 chip
2- Mariglen Nikolli con 210,800 chip
3- Roberto Begni con 196,200 chip
4- Alberto Bernardi 191,000 chip
5- Maxime Paa Kwesi Wellington con 180,900 chip

Un day 2 davvero tosto per i giocatori in gara, che avrebbe dovuto decretare i primi player a premio, ma che invece ha rimandato la cosa al day 3. Tra gli eliminati troviamo nomi di alto livello, come Federico Piroddi ed Enrico Mosca.

È andata decisamente meglio ad un altro big, Alex Longobardi, che dopo day 1 un po’ nell’ombra è esploso conquistando la leadership del torneo, con 527,500 chip.
Purtroppo però la sua buona stella si è poi persa nel cammino e durante il day 3 Alex Longobardi è stato eliminato al 18° posto. Con lui tanti altri big hanno lasciato la competizione, vedi Enrico Mosca, Roberto Begni e Marko Mikovic.

Dopotutto, dei 46 giocatori di inizio day 3 si è arrivati alla formazione del final table. Quasi tutti i player arrivati al day 3 sono andati a premio, dato che le posizioni premiate erano 39. Uomo bolla del torneo è stato Fabio Iannello.

Come dicevamo, si è poi arrivati al tavolo finale, così composto:

1. Daniele Sottile con 2.715.000 chip
2. Franco Colombo con 2.569.000 chip
3. Alessandro Minasi con 1.577.000 chip
4. Umberto Ferrauto con 1.462.000 chip
5. Andrea Deiana con 808.000 chip
6. Pietro Monzio Compagnoni con 776.000 chip
7. Paolo Della Penna con 538.000 chip
8. Luca Viglino con 351.000 chip
9. Daniele Armenti Ruggeri con 297.000 chip

Al tavolo finale si è poi arrivati ad un deal a cinque, che ha ridistribuito il montepremi. Vincitore del Mini IPT di Saint Vincent è stato Franco Colombo, che anziché portarsi a casa i 25,000 € previsti per il vincitore ne ha ottenuti 16,500 €.
Ecco la classifica finale dell’evento, comprensiva dei premi vinti dai giocatori al tavolo finale:

1. Franco Colombo con 16.500 € (deal)
2. Umberto Ferrauto con 13.000 € (deal)
3. Pietro Monzio Compagnoni con 13.000 € (deal)
4. Daniele Sottile con 13.000 € (deal)
5. Alessandro Minasi con 8.700 € (deal)
6. Andrea Deiana con 4.200 €
7. Paolo Della Penna con 3.300 €
8. Daniele Armenti Ruggeri con 2.454 €
9. Luca Viglino con 2.000 €