L’Italian Poker Tour High Roller

6 maggio 2013 da Anna

Il Main Event dell’Italian Poker Tour di San Remo è alle porte, manca davvero poco ormai! Nel frattempo, per rendere l’attesa più sopportabile, ci possiamo dedicare agli eventi che lo precedono, che si svolgono sempre a San Remo. Abbiamo già visto da vicino il Mini IPT, ora dedichiamo la prima parte di questo articolo ad un evento speciale, l’Italian Poker Tour High Roller.

Come tutti gli eventi High Roller che si rispettano, il buy in è decisamente sopra la norma e in più, in questo particolare caso, i giocatori avevano anche la possibilità di re entry. Certo, siamo ben lontani dalle cifre da capogiro che ci sono negli eventi High Roller americani, ma comunque siamo davanti ad un evento importante. Servivano 5,250 € per potersi sedere ai tavoli di questo High Roller e solo 15 giocatori hanno deciso di raccogliere la sfida. Si sa, gli eventi High Roller sono eventi poco frequentati, ma la qualità di solito compensa la quantità. Anche in questo caso, infatti, il numero ridotto di giocatori è stato ampiamente compensato dalla loro capacità di gioco.

Eccovi alcuni nomi: Dario Sammartino, Luca Pagano, Alioscia Oliva e Tommaso Briotti. Ma non hanno partecipato solo giocatori italiani, anche qualche straniero ha pensato che poteva essere un’occasione interessante; così abbiamo visto all’opera Paul Volpe, che tra l’altro è stato il solo ad utilizzare la possibilità di re buy, Jeff Rossiter e Eugene Katchalov.

Alla fine, il vincitore è stato Dario Sammartino, che si è ampiamente meritato i 35,000 € di premio, visto che è stato protagonista di un incredibile recupero nei confronti del secondo classificato, David Peters, che si è dovuto arrendere alla netta superiorità di Sammartino accontentandosi del secondo posto e di 23,000 €. Terzo posto per Alioscia Oliva che porta a casa 11,000 €. L’ultimo piazzamento a premio è stato il quarto, in virtù del basso numero di partecipanti, ed è stato conquistato da Luca Pagano, che ha vinto 8,000 €.

Il gioco online in lieve calo

Vogliamo dedicare la seconda parte di questo articolo al gioco online, che nell’ultimo mese ha conosciuto un discreto calo, sia nel nostro paese che nel resto del mondo.

Insomma, sembra che la crisi stia mettendo infine le grinfie anche sul mondo del gioco online, che sembrava fino ad ora esser risparmiato.

Uno dei motivi per cui i giocatori online giocano di meno potrebbe essere dovuto alla riduzione delle promozioni sulle maggiori poker room online. A sua volta, questa riduzione è da ricondurre al fatto che le poker room online non possono più contare da tempo sul vasto mercato statunitense, fuori dai giochi da quel fatidico black friday, passato ormai da due anni. Se le cose stanno davvero così, allora basterà aspettare ancora qualche tempo per poter tornare ad aspettarsi promozioni interessanti, visto che sembra che a breve si ricomincerà a giocare online in qualche stato americano.

Nello specifico, in Italia, nel mese di Aprile si è registrato un calo un po’ preoccupante, del 14% rispetto al passato mese di Marzo, nel cash game. Anche i tornei hanno subito un calo, che è comunque abbastanza contenuto e preoccupa meno del calo nel cash.

I motivi? Primo fra tutti, sicuramente, la crisi economica, che pesa sempre di più sulle tasche degli italiani, che devono quindi tagliare spese superflue. Questo è sicuramente l’aspetto più preoccupante di tutta la faccenda, perché denota una fase negativa che si acutizza sempre di più. In secondo luogo, c’è chi sostiene che il calo sia dovuto anche al miglioramento delle temperature: come a dire che la primavera porta tutti fuori casa e fa dimenticare il poker. Potrebbe anche essere vero, ma questo varrebbe solo per i giocatori occasionali e inesperti, non per quelli che amano davvero il poker. Se fosse così, questo calo sarebbe meno preoccupante di quanto non si voglia far credere. Purtroppo, le notizie economiche che arrivano ogni giorno fanno pensare che più che la primavera sia la crisi a pesare e questo si, che è davvero un problema serio.