King of Poker: la tappa di Nova Gorica

8 ottobre 2013 da Anna

In questi giorni Nova Gorica è calda, anzi caldissima: proprio nella capitale del gioco sloveno, infatti, si sono svolti diversi eventi di cui vi abbiamo parlato nei giorni scorsi. Oggi torniamo a Nova Gorica per un nuovo evento, sempre più apprezzato dal pubblico: il King of Poker. Organizzato da Genyus Event, è ormai giunto alla terza tappa. La struttura lo rende un vero e proprio torneo di poker, ad altissimi livelli di professionalità, ma il buy in lo rende accessibile ad un ampio pubblico: ecco il segreto del successo di King of Poker!

Per partecipare al Main Event della tappa di Nova Gorica, infatti, sono stati necessari solo 550 €, che considerando il livello dell’organizzazione e il montepremi garantito di 150,000 €, sono davvero da considerare un buy in molto basso. In più, è sempre possibile cercare di vincere un posto tramite i tanti satelliti on line organizzati dal sito ufficiale di King of Poker, per azzerare del tutto il buy in. Ma non c’è solo il Main Event: al King of Poker vengono organizzati anche tanti altri side event e tavoli cash con buy a partire da solo un euro.
Insomma, King of Poker nasce per essere a misura di appassionati, garantendo però ai partecipanti un evento da veri professionisti, tanto che sono molti i pro che decidono di cimentarsi in questo evento minore, ma che è ormai parte integrante del panorama pokeristico italiano.

Ecco alcuni nomi di coloro che da tempo avevano annunciato la propria partecipazione all’evento: Rocco Palumbo, Gabriele Lepore, Andrea Dato, Jackson Genovesi, Alessio Isaia e molti altri. Una delle Guest star dell’evento è stato il pilota di Formula Uno Giancarlo Fisichella.

Si comincia!

Entriamo ora nel vivo della gara con la cronaca delle due giornate di apertura. Al day 1 A si sono iscritti in 81, tra cui molti big del poker italiano. Di questi, solo in 26 sono arrivati direttamente al day 2. Per gli altri, però, la gara non è finita qui: era prevista infatti la possibilità di effettuare il re buy durante il day 1 B e molti hanno approfittato di questa opzione, per rimettersi in carreggiata dopo un deludente day 1 A. Tra coloro che hanno deciso di ritentare la sorte ci sono stati Rocco Palumbo e Massimiliano Piazza.

Ecco la top five del day 1 A, guidata da uno straniero:

1. Mohamed Rahadan Hesham con 310,000 chip
2. Cristiano Guidi con 164,100 chip
3. Gianluca Manocchio con 162,300 chip
4. Federico Mari con 160,700 chip
5. Paolo Mancini con 146,900 chip

Il day 1 B poi ha visto ben 201 iscrizioni, tra le nuove iscrizioni e i re buy. Uno a cui il re buy ha portato fortuna è stato Massimiliano Piazza, che ha saputo sfruttare al meglio questa chance, arrivando addirittura secondo. Mentre gente come Rocco Palumbo o Andrea Benelli ha dovuto salutare definitivamente la competizione.
Molti anche quelli che hanno deciso di partecipare solo al day 1 B ma non hanno avuto fortuna: Gabriele Lepore, Andrea Dato e Alessio Di Cesare, per esempio, sono stati eliminati dalla gara senza avere più chance di re buy.

A fine giornata questa è stata la top five provvisoria:

1. Luigi Percossi con 278800 chip
2. Massimiliano Piazza con 238700 chip
3. Nader Sarhan con 222600 chip
4. Darko Radonjić con 206300 chip
5. Aldo Palano con 203500 chip

In totale, dunque, sono stati 86 i player arrivati al day 2 ma solo 20 di questi sono arrivati fino alla fine della giornata, qualificandosi per il day 3. Tantissimi gli eliminati e tra questi nomi come Max Piazza, Mario Adinolfi, Ganluca Trebbi, Carla Solinas, Giorgia Tabet.

L’ultima giornata di gioco è iniziata con solo 20 player, guidati da Luigi Percossi, già chip leader del day 1 B, con 904,000 chip, seguito da Stefano Fiore con 801,000 chip e Federico Mari con 798,000 chip. I favoriti per la vittoria erano comunque i due nomi più conosciuti, Carlo Salvinelli e Stefano Fiore, ma a vincere il trofeo e il primo premio è stato un outsider, Giorgio Baralli.

Ecco la classifica finale dell’evento, comprensiva dei montepremi vinti dai giocatori del final table:

1. Giorgio Baralli: 40.000 €
2. Alberto Spinucci: 23.800 €
3. Stefano Fiore: 16.000 €
4. Federico Mari: 11.000 €
5. Paolo Mancini: 8.350 €
6. Andrea Radonjic: 6.750 €
7. Federico Abiuso: 5.175 €
8. Paolo Coser: 3.675 €
9. Daniele Secci: 2.775 €
10. Antonio Rutigliano: 2.175 €